Anche la marca da bollo diventa finalmente elettronica

marca da bolloCon il provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 19 settembre scorso, adottato d’intesa con la Funzione Pubblica, sono state definite le regole per il pagamento della marca da bollo in via telematica.

La previsione originaria era già contenuta nella L. di semplificazione (L. 4 aprile 2012, n. 35 – articolo 6-bis), secondo cui l’Agenzia delle Entrate avrebbe emanato un provvedimento con cui venivano stabilite le modalità per il calcolo e per il pagamento dell’imposta di bollo per via telematica, anche attraverso l’utilizzo di carte di credito, di debito o prepagate.
La medesima disposizione era stata poi riportata nel comma 596 della L. 147/2013, fissando la scadenza dell’emissione del provvedimento entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge.

Il nuovo servizio di emissione del contrassegno telematico – denominato @e.bollo – è effettuato da soggetti intermediari indicati nell’art. 114 sexies del TU in materia bancaria e creditizia, e cioè  le banche, gli istituti di moneta elettronica e gli istituti di pagamento.

Gli intermediari debbono:

- convenzionarsi con l’Agenzia delle Entrate;

- acquistare gli Identificativi Univoci Bollo Digitale (IUBD);

- rendere disponibile l’acquisto del bollo digitale attraverso una piattaforma di pagamento, che deve essere conforme agli standard SPC (Sistema Pubblico di Connettività), come previsto dall’art. 81 del CAD.

Il servizio può essere reso disponibile all’utente secondo due diverse modalità:

  1. tramite il sito web dell’Amministrazioni, al momento di presentazione dell’istanza che richiede il pagamento del bollo;
  2. l’acquisto del bollo avviene “in differita” da parte dell’utente, che accede direttamente al sito dell’intermediario e invia poi il documento all’Amministrazione tramite altri strumenti telematici (PEC o upload).

Questa seconda modalità verrà resa disponibile solo in un secondo momento: l’Agenzia delle Entrate pubblicherà sul proprio sito web la data a partire dalla quale gli intermediari renderanno disponibili il servizio.

Che forma avrà la marca da bollo?

Si trasformerà in un documento informatico, sottoscritto con firma elettronica avanzata da parte dell’intermediario, e conterrà il codice numerico di emissione del bollo, che dovrà essere allegato al provvedimento a cui si riferisce, per impedirne l’utilizzo multiplo.

Al momento del ricevimento della richiesta, l’Amministrazione dovrà effettuare un doppio controllo:

  • la “veridicità” della marca apposta, che avverrà tramite uno specifico software messo a disposizione gratuitamente da AGID, e che dovrà essere collegato al Protocollo Informatico;
  • la correttezza dell’importo pagato: in caso si riscontri un pagamento errato, la PA dovrà contattare il richiedente e chiedere di integrare il pagamento o rimuovere eventuali errori, entro il termine di 10 giorni; se non vengono effettuate le correzioni o integrazioni dovute, il provvedimento dovrà essere trasmesso all’Agenzia delle Entrate per la regolarizzazione, come previsto dall’art. 19 del DPR 642/1972.

L’Agenzia non potrà comunque irrogare la sanzione prevista dall’art. 31 dello stesso DPR, in quanto il Dpr 16 aprile 1999, n. 129, infatti, dispone, proprio per ragioni di economicità dell’azione amministrativa, l’abbandono dei crediti erariali, regionali e locali di importo non superiore a 16,53 euro. Il vecchio limite di 16,53 è stato, poi, elevato a 30 euro dal decreto legge 16/2012.

Riguardo al controllo sulla correttezza dell’importo pagato a titolo di bollo, è recentemente intervenuta la L. di Stabilità n. 147/2013 con una misura di semplificazione, che favorisce la digitalizzazione: infatti ai commi 591 e seguenti si dice esplicitamente che “Per le istanze trasmesse per via telematica, l’imposta di cui al comma 1-bis (cioè le istanze trasmesse per via telematica agli organi della Pubblica Amministrazione) e’ dovuta nella misura forfettaria di euro 16,00 a prescindere dalla dimensione del documento”: quindi il bollo non si paga più ogni 4 pagine, ma è riferito a tutto il documento informatico.

Anche i provvedimenti emessi in seguito alla richiesta del cittadino o impresa debbono contenere il bollo: in questo caso il bollo può essere o pagato contestualmente alla richiesta, se l’atto viene emesse immediatamente, oppure le Amministrazioni avvisano il richiedente della disponibilità dell’atto e indicano le modalità di pagamento del bollo, sempre tramite la piattaforma di pagamento.

Un ultimo aspetto interessante sono i costi: il provvedimento prevede che non possano essere richiesti costi aggiuntivi all’utente al momento dell’acquisto della marca da bollo, se il pagamento viene effettuato utilizzando strumenti come l’addebito in conto o attraverso carte di debito prepagate dell’intermediario stesso o di altri istituti con esso convenzionati; se invece l’intermediario offre strumenti ulteriori rispetto a quelli predefiniti nella convenzione, può richiedere costi aggiuntivi, di cui però deve dare idonea informazione sia in fase di accesso e sia al momento della conferma dell’acquisto del bollo.

Una delle prime applicazioni per il pagamento del bollo telematico potrebbe riguardare i contratti stipulati attraverso il MEPA – Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione: infatti con la Risoluzione del 16 dicembre 2013 n. 96/E, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che le offerte e le accettazioni di beni e/o servizi effettuate all’interno del MePA sono soggette all’imposta di bollo, ex art. 2 della Tariffa, parte I, allegata al D.P:R. n. 642/1972, solamente laddove vi sia la stipulazione del contratto.

Infatti, “l’articolo 328 del DPR 5 ottobre 2010, n. 207, prevede espressamente al quinto comma che “Il contratto è stipulato per scrittura privata, che può consistere anche nello scambio dei documenti di offerta e accettazione firmati digitalmente dal fornitore e dalla stazione appaltante”.

Partendo dal presupposto che “lo scambio di documenti digitali tra i due soggetti concretizza una particolare procedura prevista per la stipula di detta scrittura privata”, l’ordine inviato dall’Amministrazione al fornitore attraverso la piattaforma si configura come un vero e proprio contratto, in quanto ne contiene tutti gli elementi essenziali: amministrazione aggiudicatrice, fornitore aggiudicatario, oggetto della fornitura, dati identificativi, tecnici ed economici dell’oggetto offerto, informazioni per la consegna e fatturazione ecc. e, pertanto, tale documento di accettazione dell’offerta presentata da un fornitore abilitato, deve essere assoggettato ad imposta di bollo ai sensi della normativa vigente.

La risoluzione si conclude specificando che l’imposta di bollo è a carico del fornitore, e che le Amministrazioni sono tenute ad assicurare il rispetto delle norme che prevedono il pagamento dell’imposta; quindi il pagamento telematico del bollo sui contratti MEPA rappresenterebbe una semplificazione utile e necessaria.

Purtroppo il provvedimento del 19 settembre non è immediatamente efficace, perchè fa rinvio a successive linee guida, che dovranno essere adottate dall’Agenzia delle Entrate e dall’AGID, e comunque sono richiesti i tempi tecnici di sottoscrizione delle convenzioni tra l’Agenzia e gli intermediari.

L’attivazione del bollo telematico richiede anche un’attività di implementazione da parte delle PA, in quanto i portali web attraverso cui avviene la presentazione di istanze online devono essere collegati con l’apposito servizio di pagamento.

A questo proposito, infatti, l’articolo 15, comma 5-bis del DL 179/2012 prevede che le pubbliche amministrazioni (centrali e locali) hanno l’obbligo di collegarsi al Nodo dei Pagamenti-SPC, mentre i gestori di servizi di pubblica utilità e i prestatori di servizi di pagamento possono aderire sottoscrivendo appositi accordi. Il Sistema è infatti aperto a tutti gli operatori privati interessati (banche e istituti di pagamento e moneta elettronica) che possono così operare in condizioni paritetiche e senza necessità di attivare accordi bilaterali con le Pubbliche Amministrazioni.

Recentemente sono stati sottoscritti 3 accordi con AGID per l’interconnessione con il Nodo dei Pagamenti-SPC: Regione Emilia-Romagna, Regione Toscana e ICCREA Banca.

In generale, il tema dei pagamenti elettronici costituisce da tempo uno degli obiettivi portanti dell’Agenda Digitale: l’AGID ha predisposto poco tempo fa delle Linee Guida e il pagamento del bollo telematico costituisce sicuramente un altro tassello importante per la digitalizzazione dei rapporti tra cittadini e Amministrazioni; si tratterà di vedere – quando il nuovo metodo di pagamento sarà attivo – se verrà accolto in modo positivo dagli utenti: la vera sfida sarà rendere il sistema intuitivo ed usabile.

Leggi il testo dell’articolo pubblicato su agendadigitale.eu

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

14 pensieri su “Anche la marca da bollo diventa finalmente elettronica

  1. Buongiorno. Con riferimento al pagamento dei 16,00 € per ogni contratto con la PA, fatto tramite MEPA, esiste una data di inizio ben precisa? si parla del 2013 ma vale per tutti i contratti fatti nel 2013 oppure c’è una data di inizio? grazie

    • Buongiorno,
      L’Agenzia delle Entrate, in risposta alle istanze di interpello formulate da Consip S.p.A., ha disposto il pagamento dell’imposta di bollo sugli ordini effettuati attraverso MEPA con la Risoluzione n. 96/E del 16 dicembre 2013 – disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate.
      Pertanto l’obbligo dovrebbe considerarsi esistente a partire dagli ordini efettuati da gennaio 2014 in poi.

  2. Salve,
    è assodata l’obbligatorietà dell’imposta di bollo; nel caso di transazioni sul Mepa, l’assolvimento come avviene? In forma cartacea con data del bollo precedente o uguale alla data della stipula, o mediante f23 – f24, e in questo caso qual è il termine temporale da rispettare?
    Grazie

    • A mio parere la prassi più corretta è quella di far versare la somma di 16 euro (l’importo della marca da bollo) alla Ditta fornitrice sul conto del Comune o altra PA, che provvederà poi entro i primi mesi dell’anno successivo al versamento del totale degli importi riscossi all’Agenzia delle Entrate.
      La procedura era prevista dal DM del 2004, poi interamente sostituito dal DM 17/6/2014.

  3. Buongiorno,
    l’imposta di bollo è obbligatoria per tutti i “contratti” stipulati su me.p.a., o solo per i contratti con le Amministrazioni dello Stato??!!!
    Grazie, buona giornata,
    Cristina

  4. Salve, ma per gli ordini diretti fuori mepa, e prevista comunque la marca da bollo? E per importi sotto i 30 euro come ci si comporta? Gazie e buona giornata

    • Buongiorno,
      la Risoluzione dell’AdE non fa riferimento agli ordini diretti, per cui si può concludere che questi siano esclusi dall’applicazione dell’imposta di bollo;
      anche per quanto riguarda l’importo, nella risoluzione non si fa alcun riferimento, e quindi deve considerarsi che l’imposta di bollo sia comunque da applicare (sempre nel caso in cui si sia utilizzato il MEPA o altra Centrale di Committenza).

    • In assenza di norme specifiche dovrebbe valere sempre la regola di un bollo ogni 4 facciate….
      Anche se la regola è assolutamente obsoleta e non tiene conto della specificità del documento digitale.

  5. Quali sono le modalità valide per apporre la marca da bollo di 16 euro su un ordine MEPA? Una PA mi ha confermato che si può fare sia in modalità cartacea (mettendo la marca da bollo sulla stampa dell’ordine e poi siglata e rinviata tramite pec) che virtuale. E’ corretto?
    Nel caso di pagamento virtuale come si fa effettivamente? devo farmi autorizzare dall’agenzia delle entrate o basta pagare un f24 con uno specifico codice?

    Altra domanda, come bisogna comportarsi con le marche da bollo sulle fatture elettroniche? Se la fattura elettronica a una PA è con split payment serve la marca da bollo da 2 euro oppure no?
    grazie per l’aiuto!

    • La prassi di applicare la marca da bollo non è del tutto corretta, perchè l’ordine MEPA è un documento digitale e come tale dovrebbe essere trattato (quindi evitando la stampa).
      Il pagamento del bollo – su indicazione dell’ente che ha emesso l’ordine – si può anche fare versando l’importo alla PA, e poi la PA stessa rendiconterà gli importi incassati all’Agenzia delle Entrate l’anno successivo.
      Questa modalità è espressamente prevista dal DM 17/6/2014, che contiene le disposizioni sulle “Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai
      documenti informatici”, e che ha sostituito il precedente DM del 2004.
      Le stesse modalità appena citate si applicano anche per l’imposta di bollo sulle fatture elettroniche, che però è prevista solo se la fattura è IVA esente (nei casi specifici previsti dalla legge): quindi in presenza dell’IVA non c’è imposta di bollo.

  6. Salve
    anche se ho letto ora nel post precedente non essere indicata come la prassi più corretta, nel corso del 2016 abbiamo applicato la marca da bollo da Euro 16,00 sulla stampa cartacea dell’Ordine MePA e prodotto ai Committente PA un modello (dallo stesso fornito) di Autocertificazione di Assolvimento dell’Imposta di Bollo conformemente alla normativa vigente in materia, allegandovi anche immagine dell’ordine con la marca applicata e siglata.
    Ora solo uno dei Committenti (su circa una ventina) ci chiede di spedire l’originale cartaceo con la marca applicata.
    Ma questa procedura oltre a rappresentare un ulteriore onerosità (per essere sicuri dell’arrivo occorrerà spedire una RR) non farebbe venir meno la presenza del bollo tra i nostri documenti contabili essendo noi i soggetti titolari dell’obbligo ?
    Attendo sue indicazioni con piacere
    Cordialmente
    Carlo d’Aloisio

    • Buongiorno, il caso appena descritto mi sembra proprio l’ennesima dimostrazione delle difficoltà di coniugare digitale e cartaceo!
      Comunque, rispondendo alla sua domanda, in base alla normativa sul bollo (L. 642/1972), tutti i soggetti interessati dalla procedura sono obbligati in solido, e forse è proprio questo il motivo per cui l’Amministrazione le ha chiesto l’originale del contratto con la marca; sono anch’io del parere che “l’originale” (cartaceo) del contratto che attesta il pagamento del bollo dovrebbe rimanere all’azienda… Provi a capire se ci sono margini di accordo diverso con l’ente!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>